...
🧑 💻 Tutto il più interessante dal software, automotive, mondo. Ha tutto ciò che devi sapere su dispositivi mobili, computer e altro ancora per i geek.

Google vorrebbe che tu attivassi le tue registrazioni vocali per i revisori umani, per favore

19

Google

Quando utilizzi un assistente vocale come Google Assistant, Alexa o Siri, l’IA non sempre esegue correttamente i tuoi comandi. Fino alla scorsa estate, le aziende utilizzavano revisori umani per ascoltare i tuoi comandi e ricontrollare i risultati. Ma la pratica non era chiara agli utenti. Google ha sospeso il suo programma di revisori umani, ma ora vorrebbe ricominciare ad ascoltare la tua voce, con il tuo permesso.

L’estate scorsa sembra più di un anno fa, quindi è difficile ricordare la controversia. Lo scorso aprile, è diventato evidente agli utenti che tutto ciò che dicevano a un assistente vocale andava a Google, Amazon e altre società.

L’idea era che gli umani ascoltassero l’audio e verificassero che l’assistente capisse correttamente e rispondesse in modo appropriato. Ma i falsi positivi hanno portato gli assistenti vocali a caricare audio che gli utenti non hanno indirizzato ai loro altoparlanti. Cene di famiglia, dettagli medici e altro ancora sono arrivati ​​ai server cloud.

Dopo che le persone si sono rese conto della frequenza con cui i revisori umani ascoltavano le loro conversazioni, è iniziata l’indignazione. Inizialmente tutte le aziende hanno messo in pausa i revisori umani, ma una alla volta ciascuna è tornata alla pratica.

Ora tocca a Google. In un’e-mail inviata agli utenti, la società spiega che sta disattivando l’impostazione che consente a Google di archiviare l’audio per ogni utente. Questa impostazione autorizza i revisori umani, quindi per impostazione predefinita nessuno invierà audio a Google. L’idea è di scegliere se Google può ascoltare o meno la tua voce dopo aver finito di parlare con l’assistente.

Ma Google vorrebbe che tu riattivasse l’archiviazione audio e la revisione umana. La pratica lo aiuta a migliorare il proprio servizio e a rispondere in modo più accurato.

La società non ha detto quante email sta inviando, ma è probabile che chiunque interagisca con Google Assistant ne riceverà una. L’email contiene un collegamento alle impostazioni dell’assistente per abilitare l’archiviazione audio.

Se non vuoi che gli umani ascoltino la tua voce, non devi fare niente. Si spera che più aziende seguano l’esempio di Google e rendano funzionalità come questa opt-in in futuro, anziché out-out.

tramite The Verge

Fonte di registrazione: www.reviewgeek.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More