...
🧑 💻 Tutto il più interessante dal software, automotive, mondo. Ha tutto ciò che devi sapere su dispositivi mobili, computer e altro ancora per i geek.

Nintendo non è riuscita a riparare un Game Boy originale di 95 anni, quindi gliene ha dato uno nuovo

11

padu_foto/Shutterstock

Ecco una storia di benessere per illuminare la tua giornata. Nintendo è nota per il suo eccellente servizio clienti, ma in un’occasione è andata ben oltre. Una donna di 95 anni si è ammalata e, allo stesso tempo, il suo Game Boy modello originale ha smesso di funzionare. Dopo che la sua famiglia l’ha portato in diverse officine di riparazione senza alcun risultato, hanno contattato Nintendo e la società le ha dato un Game Boy originale sostitutivo.

Questa storia arriva tramite Twitter da Asahi Shimbun, uno dei principali giornali giapponesi. Una donna di 70 anni di nome Kuniko Tsusaka ha scritto per descrivere come Nintendo l’ha aiutata in una situazione difficile. Sua madre, una 95enne, amava Tetris e adorava giocarci sul suo Game Boy modello originale. Lo aveva quasi sempre al suo fianco.

Ma si è ammalata e, per coincidenza, anche il suo Game Boy. La sua famiglia lo portò in diverse officine, ma nessuno aveva più le parti per ripararlo. Né nessuno aveva in vendita un Game Boy modello originale.

Fu allora che il figlio di Kuniko Tsusaka parlò a sua nonna del leggendario servizio clienti di Nintendo. Tuttavia, nel descrivere gli sforzi di Nintendo come "servizio clienti divino" ("kami taiou" in giapponese), sembra che sua nonna si sia confusa. Vedete, la parola "kami" in "kami taiou" può significare sia "divino" (神) e “carta" (紙).

Quindi ha pensato che stesse dicendo che Nintendo ha un "servizio clienti cartaceo" e quello era il modo migliore per contattare l’azienda. Ha scritto una lettera a Nintendo chiedendo aiuto e ha inviato il Game Boy rotto.

Entro una settimana, Nintendo ha inviato una lettera di risposta. La società ha spiegato che non poteva riparare il suo Game Boy, quindi ha inviato un "nuovo" modello originale di Game Boy (presumibilmente uno che l’azienda aveva nascosto) per sostituirlo e quindi le ha augurato una lunga vita. Naturalmente, la madre di Kuniko Tsusaka era felicissima di avere di nuovo un Game Boy funzionante.

Kuniko Tsusaka ha chiuso la storia facendoci sapere che sua madre si è divertita con il Game Boy per altri quattro anni prima di morire e ha persino mantenuto la sua consapevolezza cognitiva lungo la strada. Senza dubbio, tutti quei round di Tetris hanno aiutato.

tramite SoraNews24

Fonte di registrazione: www.reviewgeek.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More