...
🧑 💻 Tutto il più interessante dal software, automotive, mondo. Ha tutto ciò che devi sapere su dispositivi mobili, computer e altro ancora per i geek.

La prima anteprima per sviluppatori di Android 11 si concentra sulla privacy con autorizzazioni una tantum e altro ancora

7

Giustino Duino

Mancano ancora mesi al lancio ufficiale della prossima versione di Android, ma Google ha appena annunciato il rilascio della prima Developer Preview di Android 11. Anche se potresti essere interessato a sapere quali modifiche verranno apportate al tuo dispositivo in futuro, questa build è principalmente rivolta agli sviluppatori. Tuttavia, ciò non ha impedito a Google di includere alcune funzionalità di privacy rivolte agli utenti.

Ciò che spicca in modo evidente è l’annuncio di una nuova autorizzazione una tantum. Con esso, gli utenti avranno un controllo ancora più granulare sui dati più sensibili sui loro dispositivi Android. Invece di consentire a un’app di conoscere la posizione dell’utente tutto il tempo o solo mentre l’app è aperta, gli utenti possono scegliere di concederle l’accesso o meno ogni volta che aprono l’app.

Project Mainline è stato ampliato in Android 11. Google ha introdotto gli aggiornamenti del sistema di Google Play in Android 10 come un modo per implementare correzioni di sicurezza e altro senza un significativo aggiornamento del firmware che deve essere verificato da produttori e operatori prima di essere inviato ai clienti. Verranno aggiunti 12 nuovi moduli con Android 11 che include uno per migliorare le autorizzazioni.

Non c’è alcuna promessa che sarà disponibile quando Android 11 arriverà sui dispositivi dei clienti, ma l’azienda sta aggiungendo il supporto della piattaforma per l’archiviazione sicura. Con i telefoni cellulari sarebbe in grado di archiviare e recuperare documenti di identificazione verificabili come le patenti di guida mobile.

Naturalmente, Google sta anche continuando il suo lavoro per garantire che Android rimanga all’avanguardia nelle innovazioni. Per fare ciò, l’azienda continua il suo lavoro sull’aggiunta del supporto 5G, aggiungendo il supporto per nuovi tipi di schermo (ad esempio, perforatrici come quelle che si trovano sulla gamma Galaxy S20 e sui display) e messaggistica migliorata. Android 11 avrà una sezione dedicata alla conversazione nell’area notifiche e la possibilità di incollare immagini nell’app "Bubbles".

Per concludere, Android 11 aggiunge il supporto per le immagini HEIF, la possibilità per le app di disattivare le vibrazioni del telefono durante l’utilizzo della fotocamera, le modalità bokeh che possono essere abilitate in app di terze parti, la verifica STIR/SHAKEN durante gli screening delle chiamate e molto altro.

Come con le precedenti anteprime per gli sviluppatori, Google sconsiglia di installare questa build di Android 11 sul tuo dispositivo di tutti i giorni. Una volta che l’aggiornamento sarà più stabile e più vicino alla prima serata, la società rilascerà build beta che i consumatori possono iscriversi per testare tramite Android Beta.

Come mostrato di seguito, Google prevede di rilasciare nuove build di anteprima per gli sviluppatori per i prossimi due mesi. Sembra che le versioni beta dovrebbero iniziare a essere lanciate a maggio (probabilmente durante Google I/O 2020) con le build finali inviate in autunno, prima del prossimo evento hardware dell’azienda.

La prima anteprima per sviluppatori di Android 11 si concentra sulla privacy con autorizzazioni una tantum e altro ancora

Google

Gli sviluppatori che desiderano installare l’ anteprima per sviluppatori di Android 11 possono scaricarlo subito da Google e eseguirne il flashing manuale sul proprio Pixel 2/2 XL, Pixel 3/3 XL, Pixel 3a/3a XL o Dispositivo Pixel 4/4 XL. Possono anche conoscere le nuove API e le informazioni tecniche sul blog di anteprima per sviluppatori Android.

Fonte di registrazione: www.reviewgeek.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More